Come catturare un topo in casa con la colla?

Vuoi capire come catturare un topo in casa con la colla? Non ti resta altro da fare che leggere la mia guida completa.

Il problema dei topi in casa è una situazione spiacevole ed estremamente comune. Questi piccoli roditori sono noti per la loro abilità nel trovare varchi negli edifici e per la loro rapidità nel riprodursi, portando disagi e potenziali rischi per la salute. Inoltre, possono causare danni materiali mordicchiando cavi e mobili.

La presenza di un topo in casa può diventare rapidamente un incubo. Non solo rovinano il cibo e gli oggetti, ma portano anche con loro il rischio di malattie. L’agitazione che ne deriva può essere stressante, e può far sentire i proprietari di casa frustrati nel tentativo di liberarsi di questi invasori indesiderati.

Tuttavia, c’è una soluzione efficace a questo problema: utilizzare la colla per catturare i topi. Questa tecnica si basa sull’utilizzo di trappole adesive che, posizionate strategicamente, catturano i topi senza ucciderli. Così facendo, è possibile gestire l’infestazione di roditori in modo umano e sicuro.

In questo articolo, scopriremo passo dopo passo come catturare un topo in casa con la colla, vedendo anche gli errori da evitare!

Come catturare un topo in casa con la colla?

Scegli una trappola collante di qualità

Innanzitutto, la colla deve avere un’adesione forte, in modo che il topo non sia in grado di liberarsi una volta che vi entra in contatto. Una trappola collante di buona qualità ha una colla molto viscosa che può intrappolare efficacemente il topo, impedendogli di scappare.

Inoltre, la durata è un altro aspetto da considerare. Una colla di qualità dura più a lungo, mantenendo la sua adesività per un periodo di tempo esteso. Questo significa che non devi cambiare la trappola frequentemente, risparmiando tempo ed energia.

La resistenza alle condizioni atmosferiche è un altro fattore importante. La colla deve essere resistente all’umidità e alle variazioni di temperatura, altrimenti rischi di perdere la sua efficacia. Ricorda, un topo può essere attirato in qualsiasi momento, quindi è essenziale che la trappola sia sempre pronta e funzionante.

Infine, una colla per topi di qualità non dovrebbe avere un odore forte. Un aroma pungente potrebbe allontanare i roditori invece di attirarli. Quindi, anche se potrebbe sembrare un dettaglio minore, è molto importante per il successo della tua operazione di cattura.

Nota: lo sai che la colla per topi non è velenosa per cani, gatti e persone?

Posiziona la colla lungo i percorsi noti dei topi

I topi sono creature abitudinarie che seguono percorsi specifici quando si spostano da un punto all’altro. Questi sentieri sono spesso facilmente riconoscibili se si sa cosa cercare. Per aumentare l’efficacia delle tue trappole adesive, il tuo obiettivo sarà quello di individuare questi percorsi e posizionare le trappole lungo di essi.

Per iniziare, devi fare un’attenta osservazione della tua casa. I topi tendono a muoversi lungo i battiscopa e le pareti delle stanze, quindi presta particolare attenzione a queste aree. Inoltre, i roditori preferiscono gli spazi chiusi e bui, quindi aree come cantine, soffitte, dietro gli elettrodomestici o sotto i mobili sono probabilmente i luoghi più frequentati.

I topi lasciano dietro di sé dei segni distintivi lungo i loro percorsi. Il più evidente è la presenza di escrementi di topo, piccoli e di forma cilindrica. Un altro segno potrebbe essere l’usura o i segni di mordicchiamento sui mobili o i bordi delle pareti, causato dal loro continuo passaggio. Inoltre, potresti notare delle impronte di sporco o grasso lungo le pareti o i pavimenti, lasciate dal pelo e dal corpo dei topi.

Una volta individuati i percorsi dei topi, posiziona le tue trappole adesive lungo questi sentieri. Ricorda, la colla deve essere posizionata in modo che il topo non abbia altra scelta se non quella di passare sopra. Quindi, posiziona le trappole adesive in modo strategico, assicurandoti che coprano l’intera larghezza del percorso.

Nota: ho scritto anche una guida dove ti spiego come togliere la colla per topi dal pavimento, e che magari potrebbe esserti utile in futuro.

Usa le giuste esche per attirare i topi sulla colla

Come ti ho spiegato nella mia guida su cosa mettere sulla colla per topi, una parte fondamentale nel processo di cattura dei topi con la colla è la scelta dell’esca giusta. L’odore dell’esca è ciò che, infatti, attira il topo verso la trappola adesiva. Un errore comune è pensare che i topi siano attirati solo dal formaggio, proprio come nei cartoni animati. In realtà, i topi sono attratti da una varietà di cibi, e il formaggio non è necessariamente la scelta migliore.

I topi sono attratti dai cibi ad alto contenuto proteico. Il burro di arachidi, ad esempio, è una delle esche più efficaci. È ricco di proteine, ha un aroma forte e attraente per i topi e, essendo appiccicoso, è difficile da rimuovere, costringendo il topo a fermarsi sulla trappola per più tempo. Aumenta così le possibilità che il topo rimanga intrappolato nella colla.

Un’altra opzione efficace è il cioccolato. I topi adorano il cioccolato tanto quanto noi, e il suo odore dolce e forte può attirare efficacemente i topi verso la trappola. Inoltre, essendo duro, richiede che il topo mastichi, aumentando ancor di più le chance di successo.

Le carni dolci come il prosciutto o la salsiccia possono essere altrettanto attraenti. Il loro forte odore di carne attira i topi e, una volta sulla trappola, la necessità di masticare la carne aumenta le possibilità che il topo rimanga bloccato.

Infine, se desideri usare un’esca non alimentare, puoi considerare l’uso del cotone. I topi adorano il cotone perché lo usano per costruire i loro nidi. Posizionando un pezzo di cotone sulla trappola, potresti attirare i topi che sono alla ricerca di materiali per nidificare.

Nota: lo sapevi che è possibile preparare una colla fai da te fatta in casa? L’efficacia non è la stessa, però.

Posiziona più trappole collanti in diverse aree

Una strategia molto efficace per aumentare le possibilità di cattura dei topi consiste nel posizionare più trappole in diverse aree della casa. I topi, infatti, sono piccoli mammiferi molto agili che possono facilmente muoversi da una stanza all’altra, attraversando spazi ristretti e nascondendosi in luoghi poco accessibili. Posizionare più trappole in diverse zone della casa ti permetterà di coprire un’area più ampia e di intercettare i topi indipendentemente dal percorso che scelgono di seguire.

Non limitarti, però, alle zone che manifestano dei segni di passaggio. I topi sono creature notturne e tendono a esplorare la casa quando non ci sono disturbi. Pertanto, è utile posizionare le trappole anche in aree in cui non hai riscontrato segni evidenti della loro presenza. Potrebbero, infatti, passare da quelle zone durante le loro esplorazioni.

Qui di seguito trovi una mia selezione di alcune delle confezioni di colla per topi presenti online.

Ricorda, inoltre, di posizionare le trappole nei pressi dei muri. I topi, infatti, preferiscono muoversi lungo le pareti e raramente attraversano gli spazi aperti, in quanto si sentono più al sicuro nelle vicinanze di una superficie che possa proteggerli o nasconderli. Anche per questo motivo, è saggio posizionare la colla per topi pure sotto i mobili e gli elettrodomestici.

Nota: ti stai chiedendo se la colla per topi è illegale in Italia? Leggi il mio approfondimento per scoprirlo.

Smaltire i topi morti e sanificare l’area

Dopo aver catturato un topo con la trappola adesiva, arriva la fase cruciale dello smaltimento del roditore e della sanificazione dell’area. Questa operazione è fondamentale per vari motivi.

Prima di tutto, devi sapere che i topi possono essere portatori di molte malattie che possono essere trasmesse agli esseri umani. Alcune di queste malattie possono essere contratte semplicemente respirando i germi presenti nell’aria a causa di un topo morto. Quindi, se non rimuovi il topo morto in modo sicuro e tempestivo, corri il rischio di esporre te stesso, la tua famiglia e animali come cani e gatti a queste malattie.

Inoltre, un topo morto lasciato in giro può attirare altri animali indesiderati, come insetti e parassiti, che possono causare ulteriori problemi. Questi animali possono essere attratti dall’odore del corpo in decomposizione e possono a loro volta essere portatori di malattie.

La sanificazione dell’area è altrettanto importante. Anche se hai rimosso il topo morto, i germi e i batteri possono rimanere nell’area circostante. Questi microorganismi possono sopravvivere per un lungo periodo di tempo e possono essere facilmente trasmessi attraverso l’aria, il contatto con le superfici o l’ingestione di cibo o acqua contaminata. Pertanto, è fondamentale pulire e disinfettare l’area per eliminare tutti i possibili rischi per la salute.

Quando smaltisci un topo morto, indossa sempre dei guanti per proteggere le tue mani e utilizza delle pinze o una pala per prenderlo. Non toccare mai un topo morto con le mani nude. Avvolgilo in un sacchetto di plastica, quindi sigilla il sacchetto e mettilo in un altro sacchetto di plastica per un’ulteriore protezione. Infine, smaltiscilo secondo le normative locali relative allo smaltimento dei rifiuti biologici.

Per sanificare l’area, utilizza un disinfettante adatto, come ad esempio la creolina contro i topi, che funge anche da deterrente. Questo dovrebbe essere in grado di uccidere una vasta gamma di germi e batteri. Pulisci tutte le superfici con il disinfettante, comprese le pareti e il pavimento. Assicurati di pulire anche gli oggetti che si trovano nell’area, come i mobili o gli elettrodomestici. Infine, arieggia la stanza per rinfrescarla.

Come si mette la colla per catturare i topi: errori da evitare

Non toccare le trappole con la colla a mani nude

Toccare le trappole per topi con la colla a mani nude è un errore da evitare assolutamente e ti spiego subito perché. Prima di tutto, devi sapere che la colla utilizzata nelle trappole per topi è estremamente appiccicosa e difficile da rimuovere dalla pelle. Se ti ritrovi con delle tracce di colla sulle mani, dovrai ricorrere a sostanze come l’olio da cucina, l’alcool o il sapone per cercare di rimuoverla, spendendo molto tempo e fatica.

Ma c’è un altro motivo ben più importante per cui dovresti evitare di toccare la colla a mani nude: la presenza di germi e batteri. La colla, infatti, potrebbe essere stata a contatto con topi o altri roditori, che sono noti portatori di svariate malattie. Questi microrganismi potrebbero facilmente trasferirsi sulla tua pelle e, da lì, entrare nel tuo organismo attraverso piccole ferite o abrasioni, esponendoti al rischio di contrarre malattie infettive.

Inoltre, potrebbe capitare che tu, toccando la colla, involontariamente possa contaminarla con i tuoi odori. Questo può ridurre l’efficacia della trappola, in quanto i topi potrebbero rilevare la presenza di un pericolo e quindi evitarla. In sintesi, meglio indossare sempre i guanti.

Non usare la colla se ci sono bimbi e animali in giro

Il problema dell’utilizzo della colla per topi in un ambiente dove ci sono bambini e animali domestici riguarda principalmente la sicurezza. È un dato di fatto che la colla per topi è molto appiccicosa e può facilmente rimanere attaccata alla pelle, ai vestiti e ai peli. Immagina un bambino o un animale domestico che, spinti dalla curiosità, vanno a esplorare l’oggetto insolito che hanno scoperto. In un attimo si ritroveranno con la colla attaccata, che può causare un forte disagio e portare a situazioni potenzialmente pericolose.

Un bambino, ad esempio, potrebbe ingerire la colla o toccare gli occhi dopo essere entrato in contatto con essa, con conseguenze potenzialmente dannose per la sua salute, anche se parliamo di sostanze non tossiche. Gli animali domestici, d’altro canto, potrebbero rimanere intrappolati nella colla, il che causerebbe loro stress e panico. L’istinto naturale di un animale intrappolato è di cercare di liberarsi, e nel farlo potrebbe ferirsi, tirando con forza o masticando la colla.

Oltre a ciò, c’è da considerare il fatto che i topi catturati nella colla non muoiono immediatamente. Un animale domestico potrebbe essere attratto dal topo intrappolato e cercare di giocare con lui o addirittura di mangiarlo, esponendosi così a possibili malattie.

Dal punto di vista etico, inoltre, l’uso della colla per topi è spesso considerato crudele, in quanto i topi rimangono intrappolati vivi e soffrono per un periodo di tempo prolungato prima di morire. Questo è un fattore da considerare, soprattutto se si hanno bambini in casa, in quanto potrebbe essere traumatico per loro vedere un topo in tale condizione.

Controllare regolarmente le trappole collanti

Capisco che tu possa essere tentato di mettere le trappole collanti per i topi e poi dimenticartene, ma ti assicuro che sarebbe un grande errore. È fondamentale controllare regolarmente le trappole per vari motivi.

Prima di tutto, come sai, i topi catturati non muoiono immediatamente. Sono intrappolati vivi e possono soffrire per un periodo di tempo prolungato prima di morire. Questo non solo è disumano per i topi, ma può anche causare problemi di igiene, visto che un topo che si dibatte e si muove nella colla può spargere germi e batteri nell’area circostante. Trovandoli subito, potrai eventualmente decidere di liberarli prima che si facciano del male, oppure ucciderli velocemente per evitare di farli soffrire.

Inoltre, un topo catturato nella trappola collante può attirare altri animali, che potrebbero essere interessati a cibarsi del topo intrappolato o che potrebbero essere incuriositi dalla situazione. Questo può portare a problemi aggiuntivi, come la possibilità che questi animali rimangano a loro volta intrappolati o che spargano ulteriormente germi e batteri.

Controllare regolarmente le trappole ti permette anche di capire se la trappola è efficace o se è necessario cambiare la posizione o usare un diverso tipo di esca. Se, ad esempio, noti che la trappola cattura solo pochi topi, potrebbe essere il caso di spostarla in un’altra posizione o di provare un diverso tipo di esca.

Ultimi update 2024-05-28 / Link di affiliazione / Foto da Amazon Product Advertising API

Foto dell'autore

Gabriele Li Mandri

Mega esperto di topi. Insieme a mio papà Enzo, lottiamo da anni contro questi maledetti roditori. Abbiamo un appezzamento di campagna a Calatafimi (Sicilia), e abbiamo imparato a difenderci dai topi e dai ratti utilizzando la qualsiasi, dalle trappole agli ultrasuoni, passando per i veleni!

Lascia un commento